Giovedì 9 qprile 2015 si è tenuto, al Circolo dei Lettori, un'incontro con Maurizio Bettini, Francesco Remotti e Gian Enrico Rusconi dal titolo "Quanti dèi? Uno, nessuno, centomila... A proposito del libro di Maurizio Bettini, Elogio del politeismo".
Democrazia, filosofia, spirito critico e scientifico sono tutti valori per i quali noi occidentali riteniamo di essere gli eredi più titolati della civiltà greco-romana. Unica vistosa eccezione la religione: credenti o no che siamo, riteniamo che il politeismo dell’antichità debba essere consegnato a un passato irrecuperabile; persino per gli atei il monoteismo è la vera e autentica religione.
La discussione è stata molto apprezzata dal pubblico che ha riempito la sala e ha partecipato con numerose domande alla ottima riuscita del nostro evento.

Qui il video

Mercoledì 25 marzo 2015  è stata organizzata una serata dedicata alla donna divisa in tre momenti, separati da musica dal vivo, che hanno trattato rispettivamente di inquisizione e caccia alle streghe, mutilazioni femminili e velo islamico.
Sono intervenuti Cesare Bianco storico del periodo delle Eresie, Michela Molinari psicologa e Flaviana Rizzi accompagnati dalle musiche di Paolo Ferrarini.

La serata è stata dedicata ad Antonietta Dessolis referente Uaar per il VCO.

 Qui il video della serata

 Di seguito gli interventi di Cesare Bianco e Michela Molinari

Sabato 24 gennaio 2015 si è tenuta alla biblioteca laTorrediAbele la presentazione del libro di Cesare Bianco "Il papa santo e assassino". 

Il libro riunisce quattro racconti storici ambientati nel Cinquecento italiano basati su processi inquisitoriali: i racconti "L'eretico Giovanni Maria Maranello" e "Pietro Antonio da Cervia eretico relapso" prendono spunto dalle vicende della comunità modenese dei "fratelli", nel suo periodo di vita, nel vivo della repressione inquisitoriale. Nel racconto che dà il titolo all'opera, il protagonista è papa Pio V che con il suo cruento controriformismo non risparmierà nessuno, neppure gli uomini di Chiesa. L'ultimo racconto "Chiara la strega di Campogalliano" fornisce, invece, uno spunto per quanto riguarda la "caccia alle streghe", condotta con eguale ferocia e tenacia di quella degli eretici.

La presentazione è stata condotta da Giuseppe Arlotta e Vincenzo Pasqualetto ha letto alcuni brani del libro.

 

Qui il video

Venerdì 13  febbraio è stata una giornata memorabile per il circolo Uaar di Torino, abbiamo invitato Carlo Alberto Redi, professore ordinario di Zoologia presso l'università di Pavia, professore a contratto presso l'Istituto Universitario di Studi Superiori e Accademico dei Lincei, che ci ha dato la possibilità di organizzare un doppio incontro su come, nel nostro secolo, le scienze della vita (Biologia) abbiano attuato un passaggio epocale di paradigmi concettuali.

Al mattino al liceo scientifico Einstein più di cento allievi e numerosi ospiti esterni hanno assistito per due ore ad una lezione condotta con rara maestria comunicativa che ha destato grandissimo interesse ed anche divertimento, e si è conclusa con i ringraziamenti degli alunni, dei docenti presenti, in primis l’insegnate di religione, e l’impegno a continuare questa collaborazione anche in futuro; un ringraziamento particolare va dato al preside Marco Chiauzza che tanto ha fatto perché tutto ciò si potesse realizzare.

Al pomeriggio alla libreria laTorrediAbele Carlo Alberto Redi ha replicato, più in breve, l’incontro mattutino per tutti coloro, numerosissimi, che non hanno potuto essere presenti al liceo e si è ripetuto il successo di appassionato interesse per le parole del professore.

Ringraziamo ancora Carlo Alberto Redi per la disponibilità, la capacità comunicativa e la passione con cui ci ha condotto in questo breve viaggio nel mondo della scienza e speriamo di incontrarlo prossimamente per continuare il cammino iniziato in questi giorni.

 

Qui il video dell'intervento al liceo

Qui il video dell'intervento in libreria

 

Bellissima e intensa serata quella dell’appuntamento con il diavolo, o meglio, i diavoli che si tenuta martedì 11 novembre alla biblioteca laTorrediAbele!
Ottimi i relatori Michela Molinari e Franco Pezzini che hanno interessato il vasto uditorio con argomentazioni storiche e scientifiche interessanti e stimolanti. Il diavolo ci ha messo la coda e finalmente abbiamo avuto un prologo sulla stampa, precisamente su Torino Sette che così ha scritto “Può sembrare strano che a discutere di esorcismi siano gli atei: forse per loro il demonio non dovrebbe esistere. Eppure, spiegano dal coordinamento torinese dell’Uaar, ci sono nel mondo segni tangibili che non si possono ignorare: malesseri, possessioni e poi le culture popolari, influenzate dall’insegnamento delle religioni. Così, anche per chi sia lontano dal divino (e dall’idea del maligno) vale la pena di ragionarci, e chiedersi piuttosto se abbia ancora senso parlare di diavolo oggi… La conferenza s’intitola «Per tutti i diavoli che ho nella testa» e sono invitati anche i credenti: per sentire voci nuove con un taglio storico e scientifico…”

Qui il video