Antonietta ci ha lasciato. Difficile per me parlare di lei adesso, difficile pensare che non potremo più scambiarci due chiacchiere, o meglio, le nostre idee e le ultime notizie. Antonietta partecipava a quanto le raccontavo con attenzione e con osservazioni positive che guardavano al futuro in modo costruttivo senza illusioni ma anche con determinazione riguardo alle possibili direzioni da intraprendere.

L’ho conosciuta via e-mail quando coordinavo il circolo UAAR di Torino.

Dopo essersi iscritta all’UAAR cominciò a dare i suoi contributi nella nostra mailing-list uaarpiemonte, contributi determinanti per la realizzazione di testi di denuncia in difesa della Laicità dello Stato. Ci siamo poi incontrate successivamente, lei proveniente da Verbania, per partecipare ad alcuni dei Convegni organizzati dalla Consulta torinese per La Laicità delle Istituzioni ed in altre occasioni, relative ad iniziative del nostro circolo torinese e dell’UAAR nazionale, lei referente del Verbano Cusio Ossola.

Ricordo, tra gli altri, il suo bell’intervento a Vialfrè, in provincia di Torino, durante un incontro scout interregionale del C.N.G.E.I (Corpo Nazionale Giovani Esploratori Italiani) al quale eravamo stati invitati come UAAR, circolo di Torino, perché portassimo la nostra voce di non credenti a confronto con alcuni esponenti delle varie fedi religiose.

Un impegno sempre molto determinato e coraggioso il suo dove portava se stessa come risoluta testimone delle proprie idee laiciste.

Quest’ultima sua risoluzione riguardo al fine vita è stata certo in coerenza con il suo stile, privo di compromessi, ma da leggere anche, a mio parere, come un atto d’accusa verso l’arretratezza della legislazione italiana riguardo a questi temi.

Antonietta ha preferito andarsene in solitudine piuttosto che seguire un iter lungo e doloroso ma, penso che avrebbe probabilmente scelto una soluzione diversa se ci fossero state le condizioni per un congedo più sereno e programmato in compagnia di chi le voleva bene. Ciao Antonietta!

 

Anna Maria Pozzi